Castello di Gorizia

Il Castello di Gorizia appare ai visitatori come affascinante dimora di nobili, ingegnosa struttura per la difesa e la guerra, centro di vita religiosa, memoria gloriosa di un passato lontano. Eppure, visitandolo, è impossibile non notare i dettagli che lo fanno sembrare ancora in vita. Questi rivelano l’attenzione di chi si occupa di conservarlo pulito e visitabile, e fanno anche scoprire che queste mura non contengono solo storia passata, ma il nostro presente. Esse tornano luminose di vita, accogliendoci mentre passeggiamo con serenità alla scoperta di storia e bellezza.

Tutte le immagini sono state scattate nel maggio 2017.

Micol Boschin

 

1.jpg

Benvenuti!

 

2_tracce-di-venezia.jpg

Tracce austere di Venezia

 

3_guardando-il-cielo.jpg

Il cielo sopra al colosso

 

4.jpg

Pozzo

 

5_difesa.jpg

Difesa

 

6_spiraglio.jpg

Spiraglio

 

7_strada-chiusa.jpg

Strada chiusa

 

8_percorso.jpg

Percorsi

 

9.jpg

Passato

 

10.jpg

Presente

 

11_sbirciando-la-piazza.jpg

Sbirciando la piazza

 

12.jpg

Punto panoramico

 

13.jpg

Luce accesa sulle mura

 

14.jpg

Luce oltre le mura

 

15.jpg

Attenzione e cura lungo la strada

 

16.jpg

Vita, luce e trasparenze

 

17.jpg

Cercando il paesaggio oltre il muro

 

18.jpg

Nuova e intrepida vita

 

19.jpg

Guardando… chi guarda il panorama

 

20.jpg

Nuova vita rivolta al panorama

 

21-.jpg

Crocifisso della Chiesa di Santo Spirito

 

22.jpg

Sotto al protiro

 

23_c'e-altro-da-scoprire.jpg

C’è altro da scoprire!

Annunci

Un pensiero su “Castello di Gorizia

  1. Viviana Alessia ha detto:

    Micole, con la semplicità e freschezza dei tuoi anni giovani che ci doni nel migliore dei modi, ricchi di passione per le cose belle, ricchi di cultura, ci hai regalato foto stupende, con titoli essenziali ma tanto congruenti e che uno non andrebbe neanche mai a pensare. Ho visto più volte il castello di Gorizia, ma non avevo mai colto i particolari che il tuo occhio ha colto; la tua sapienza nell’uso della macchina li ha trasportati su carta come se fossero qui, concreti e così vicini che basta allungare il passo e la mano per toccarli.Tutte le immagini portano emozione e commozione nell’anima. Più di tutte mi procura dolcezza la bellissima foto che hai titolato ” Luce oltre le mura”. Sì, vien da pensare che vivendo là dentro una persona debba per forza sentire il bisogno di guardare il mondo oltre le possenti mura che lo proteggono e difendono, ma che sanno anche imprigionarlo in una solitudine melanconica. Molto singolare anche la foto del bel giglio selvatico che svetta nell’immagine che hai titolato correttamente “Nuova e intrepida vita”. Sì ci vuole forza e coraggio per nascere e crescere lassù, fra i sassi ultimi e brulli del castello affrontando in solitudine, pur di esistere venti, bufere, tempeste.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...